Cuffie, Cuffie chiuse, Cuffie aperte, Audio, Auricolari

Cuffie ed Auricolari: le cose principali (e di base) da sapere

Cuffie ed auricolari introduzione
 
In questo articolo voglio introdurre il mondo delle cuffie e degli auricolari, parlando in modo semplice ed alla portata anche dei neofiti che vogliono semplicemente acquistare un paio di auricolari senza spendere cifre troppo alte ma senza neanche accontentarsi di cuffiette 'cheap' di dubbia qualità e manifattura.
 
 
L'audio è un argomento vasto e complesso, con caratteristiche e peculiarità che arrivano dal mondo professionale della musica e dell'audio (se così non fosse non esisterebbero cuffie dal costo che sfiora i duemila euro!) e qualora l'argomento vi interessasse, a fondo pagina, vi riporto dei link dove potrete approfondire gli argomenti principali.
 
Quanto detto di seguito, in merito ai giudizi di comodità, peso, isolamento ecc, vale come discorso generico, in quanto grande importanza è data dai materiali e dalla manifattura di questo tipo di prodotti, senza contare che come per il caso della vista e della visione dei pixel, anche per l'audio vale la stessa cosa: si parte dal presupposto che l'utilizzatore abbia un udito assolutamente perfetto quando si esprimono i vari parametri su quello che si potrebbe udire.
 
Iniziamo innanzitutto a vedere le parti principali dell'orecchio esterno:
 
Orecchio
A - Trago ("linguetta" a sinistra) e Antitrago ("linguetta" a destra)
B - Padiglione Auricolare (è tutta la parte esterna e visibile dell'orecchio)
C - Ingresso del Condotto uditivo
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Passiamo ora a differenziare i vari prodotti:
 
Esempio di varie tipologie di cuffie ed auricolari
 
Nella foto sopra, vi faccio un esempio d'uso di diversi tipi di cuffie in mio possesso: le Sennheiser le utilizzo per ascoltare musica dallo stereo o audio dalla TV se non voglio disturbare gli altri, le Toshiba con archetti sono collegate al mio pc (sempre per ascoltare audio di vario genere se non voglio disturbare o fare ascoltare gli altri), gli auricolari Creative Aurvana le porto invece con me per ascoltare audio dallo Smartphone.

Auricolari o Cuffiette di tipo Earbuds

Auricolari #1

Chiamati comunemente anche "Cuffiette". In Inglese Earbuds. Si incastrano tra il trago e l'antitrago (A) senza però entrare nel condotto uditivo (C). Sono molto pratici perché sono di dimensioni ridotte e si portano tranquillamente anche in tasca (quando non si usano) grazie alle custodie con cui vengono solitamente fornite. Sono ideali per chi usa cappelli, occhiali, sia da sole che da vista, se non ci si vuole rovinare l’”acconciatura”, mentre si corre, ecc.

Pro e Contro

Come già detto, le ridotte dimensioni che permettono un facile trasporto e l'usabilità con cappelli, occhiali e mentre si fa sport. Se si ascolta musica a lungo posso dare fastidio. Incastrandosi all’ingresso dell’orecchio (senza entrare nel condotto uditivo), possono sfilarsi facilmente. In molti le trovano scomode poiché troppo grandi o troppo piccole rispetto al loro orecchio.


Auricolari #2

Sono quelli di tipo Intrauricolare. In Inglese In-ear. Si infilano direttamente nella parte iniziale del condotto uditivo (C). Sono venduti quasi sempre con gommini siliconici in due o tre misure differenti in modo che ognuno possa trovare quello adatto al proprio orecchio.

Pro e Contro

Risultano in genere “meno fastidiose” rispetto agli auricolari poiché si sfilano con meno facilità e sono più isolanti dai rumori esterni. Se si ascolta musica a lungo però possono dare fastidio.

Auricolari di tipo In ear 380

Alcuni modelli di auricolari (sia di tipo cuffietta che intrauricolare), sono definiti "Sportivi" poichè posseggono un particolare design o delle parti aggiuntive chiamate "Archetti" o "Earclip" che agganciano l'auricolare all'orecchio tenendolo fermo. Sono spesso di tipo Bluetooth e/o Wireless, quindi senza fili che possono essere fastidiosi durante l'attività sportiva.


Cuffie Aperte

Cuffie Aperte

Hanno in genere un suono, appunto, più aperto. Hanno il retro del padiglione forato o a griglia. La parte che poggia sull’orecchio è generalmente in schiuma soffice. Sono indicate per chi desidera una qualità del suono migliore e per chi prova fastidio a portare gli auricolari.

Pro e Contro

Le cuffie aperte sono più leggere rispetto alle cuffie chiuse (descritte di seguito), ma offrono un isolamento nettamente inferiore dai rumori esterni. Adatte a chi vuole ascoltare musica a lungo.


Cuffie Chiuse

Il retro del padiglione di questa tipologie di cuffie è chiuso a guscio. La parte che poggia sull’orecchio è generalmente in similpelle o vinile, mentre la parte esterna in materiale plastico o metallico. Anche queste sono indicate per chi desidera una qualità del suono migliore e per chi prova fastidio a portare gli auricolari.

Pro e Contro

Sebbene le cuffie chiuse siano più pesanti di quelle aperte, esse offrono un’ isolamento dai rumori esterni migliore. Questa tipologia di cuffie è ideale per chi vuole ascoltare musica a lungo.

Cuffie Chiuse

Un'altra distinzione che si può fare con le cuffie è se esse siano Sovraurali, ovvero se poggiano sull’orecchio senza avvolgerlo del tutto, o se Circumaurali, ovvero se avvolgono tutto l’orecchio. Sia le sovraurali che le circumaurali possono essere di tipo chiuso o di tipo aperto.

Le cuffie, aperte e chiuse, hanno una banda che passa sopra la testa, o dietro, a seconda del modello. Quest'ultima può essere più o meno rigida, in materiale plastico o metallico. Anche in questo caso l'uso principale che se ne vorrà fare conta nella scelta. Infatti le cuffie con arco che passa dietro alla nuca possono essere usate comodamente anche da chi usa cappelli, occhiali, e se non sono troppo ingombranti anche durante lo sport.

Quando non si sta ascoltando la musica molti le portano appoggiate intorno al collo, poiché  sono ingombranti e spesso sono sprovviste di custodia.
Le cuffie “tipo DJ” sono di tipo chiuso e con padiglioni girevoli ed il filo da un solo lato, per l'uso con un solo orecchio come capita spesso di veder fare ai DJ durante le loro performance.

Face
 
Le caratteristiche funzionali: delle cuffie "accettabili" devono avere dei buoni parametri di impedenza, larghezza di banda, sensibilità e potenza in ingresso. Che detto così vuol dire tutto e nulla.Anche nella scelta delle specifiche che devono avere le nostre cuffie (e/o auricolari) è fondamentale l'uso che ne vogliamo fare, perchè se vogliamo ascoltare musica in MP3 dallo Smartphone, o ascoltare l'audio di un film in Dolby Surround oppure usarle per mixare come un DJ, beh le caratteristiche cambiano e di molto! Negli articoli, successivi a questo, vedremo dei prodotti da poter usare all’aperto e da portare con noi in vacanza, partendo dal presupposto che fuori casa ascolteremo musica dai nostri Smartphone, lettori MP3 o Tablet, ovvero quasi esclusivamente audio in formato MP3. Detto questo vediamo quali sono questi parametri che rendono delle cuffie/auricolari accettabili:

Impedenza: la sua unità di misura sono gli Ohm (si misura come una resistenza). Di norma gli auricolari che sono pensati per essere utilizzati per dispositivi mobili (smartphone e lettori di cui sopra) hanno un’ impedenza che va da 8 a 32 Ohm, questo perché l’amplificatore utilizzato per pilotarle non può essere potente, per ovvie ragioni, come un amplificatore Hi-Fi collegato alla rete elettrica.
Risposta in frequenza (chiamata anche Larghezza di banda): la sua unità di misura sono gli Hz (Hertz),  indica quale intervallo di frequenze possono essere riprodotte. I dispositivi più economici in genere vanno da 20 Hz a 20.000 Hz. Meglio ancora se riescono a riprodurre dai 15 Hz  ai 25.000 Hz che è il range di suoni che un orecchio giovane e perfettamente sano potrebbe udire.
Sensibilità / Sound Pressure Level (SPL): la sua unità di misura sono i Decibel (dB). Indica la pressione sonora che la cuffia è in grado di produrre. Più il valore è alto maggiore sarà il volume di riproduzione sonoro riprodotto fedelmente. Per paragone vi riporto i seguenti livelli di Decibel*: una conversazione di tipo normale e l’ambiente domestico sono circa 50 dB; un urlo circa 90 dB; discoteca o concerto rock circa 100 dB; suono di una sirena circa 120 dB; soglia del dolore (ovvero si potrebbe provare dolore ascoltando audio oltre questo livello di dB) circa 130 dB.
Potenza in ingresso: la sua unità di misura è il Watt (W). Indica la massima potenza in ingresso che si può applicare ad una cuffia senza correre il rischio di danneggiarla o di distorcere il suono riprodotto.

N.B.:

Tutte le cuffie ed auricolari che vedremo nei prossimi articoli, sono di tipo "Stereo" ovvero hanno una doppia cassa e differiscono dalle cuffie "Mono" che hanno, come dice il nome stesso, una solo trasduttore audio (altoparlante).

Mi consigli delle cuffie sotto i 30 euro?

Auricolari In ear e Earbuds
Auricolari Earbuds e In-ear (vedi qui)
Auricolari sportivi
Auricolari sportivi (vedi qui)
Cuffie Aperte
Cuffie aperte (vedi qui)
Cuffie Chiuse
Cuffie chiuse #1 (vedi qui)
Cuffie Chiuse
Cuffie chiuse #2 (vedi qui)

 

Approfondimenti:
Crediti foto:

Ehi! Ti potrebbero interessare anche questi articoli

Acqua e polvere: le certificazioni IP in dettaglio

Acqua e polvere: le certificazioni IP in dettaglio

Come ho già accennato in precedenti articoli, mi è capitato spesso negli ultimi 2-3 anni di consigliare ai miei clienti degli Smartphone con Certificazioni IP67 o IP68. Spesso mi sono sentito fare la domanda "Ma che significa?".

Continua a leggere

La certificazione Rugged MIL-STD-810G in dettaglio

La certificazione Rugged MIL-STD-810G in dettaglio

Sapevate che esistono degli smartphone che possono cadere da 1,2 metri di altezza senza rompersi? Che possono cadere nella neve e continuare a funzionare? Che non hanno problemi al caldo (fino a 40°)?

Continua a leggere

Meglio un Notebook o un Tablet? Puoi avere entrambi con i

Meglio un Notebook o un Tablet? Puoi avere entrambi con i "trasformabili".

Negli ultimi tempi capita spesso di porsi questa domanda al momento della scelta di un dispositivo portatile/mobile. Meglio un notebook con tastiera fisica o un tablet da usare magari in metro, a letto o sul divano?

Continua a leggere

Meglio un Tablet o un Notebook? Meglio [#1] un Acer Aspire Switch!

Meglio un Tablet o un Notebook? Meglio [#1] un Acer Aspire Switch!

Tutti i modelli hanno la protezione Corning Gorilla® Glass 3, sono IPS retroilluminati a LED e con schermo multi-touch. Tutti i display hanno colori brillanti e luminosi e un testo nitido con dettagli realistici. I colori risultano vivaci e nitidi da qualsiasi angolazione.

Continua a leggere

Meglio un Tablet o un Notebook? Meglio [#2] un Asus Transformer Book T100 series!

Meglio un Tablet o un Notebook? Meglio [#2] un Asus Transformer Book T100 series!

Tutti i modelli sono IPS retroilluminati a LED e con schermo multi-touch. Tutti i display risultano vivaci e nitidi da qualsiasi angolazione (178° di angolo di visione del Display).

Continua a leggere